famiglia allargata in quarantena

Nido vuoto, nido pieno

Le restrizioni che allargano le famiglie (dell’Inghilterra)

Un fenomeno di questi giorni di lockdown nel Regno Unito è la casa piena.

Pochi mesi fa, come molti dei nostri amici, ci stavamo abituando al nostro “nido vuoto” (empty nest). I bambini adulti sono partiti. Alle università per studiare, alle città per lavorare, all’estero per viaggiare e crescere. Dopo anni di educazione dei figli e della vita familiare, ci siamo riscoperti come unità: di nuovo una coppia.

E poi: il virus. A poco a poco, e poi all’improvviso, i pulcini sono tornati al nido.

Quando si sono sentiti i primi sentori della chiusura di Londra, abbiamo visto le prime ondate di giovani lasciare la capitale. Il governo ci ha raccomandato di lavorare da casa. Per molti giovani, la scelta era tra un’appartamento stretto e buio, e le comodità e i giardini della casa di famiglia. Alcuni studenti avrebbero potuto rimanere nelle loro case sporche e sovraffollate, ma hanno scelto la lavatrice e la cucina della mamma.

Lavorare da casa, in famiglia

Per alcuni, c’erano decisioni difficili da prendere. Restare con i loro fidanzati significava vivere con la loro famiglia. Per settimane indeterminate.

Ma se ogni metà della coppia ritorna nella loro casa di famiglia, potrebbe portare a un lungo esilio dal proprio tesoro. Quindi abbiamo le case piene, e le famiglie vengono riempite e allargate. Qui, abbiamo due su tre dei miei figli. L’altro è con i suoi “suoceri” e, dopo qualche settimana, è diventato parte della loro famiglia. Nel frattempo, l’appartamento che stava condividendo con la sua fidanzata e due amici, rimane vuoto, mentre tuttavia pagano l’affitto.

Mia figlia è separata dal suo ragazzo da seicento chilometri. Studenti all’università di York, lui è scozzese, lei è del sud dell’Inghilterra. Alla fine del trimestre, erano tornati dalle loro famiglie. Ora, non c’è più il trimestre, né università, né laurea, né molta prospettiva immediata di vedersi.

Conosco amici che hanno guadagnato un altro figlio, per esempio un compagno di stanza o un socio in affari dei figli. A casa di mio fratello, ora ci sono sette adulti. Nessuno lavora. Tutto va bene, ci sono pasti enormi e allegri. Ma: sette adulti assetati che mangiano e bevono. Io provo a non pensare ai costi per lui.

Esistono altre combinazione bizzarre. Un’amica single abita a casa di suo figlio. Un altro studente post-laurea che ha assaporato l’indipendenza, è tornato a casa con i suoi genitori ma senza fratelli. È un figlio unico adulto. L’ex marito di un’altra, riprendendosi dopo un’operazione, convive con questa ex, e il suo attuale marito.

Ci sono nuove regole da stabilire. Pulizia, shopping, giardino – chi fa le faccende? Ancora la mamma? Questi sono adulti! Chi ha la priorità per la doccia, il wifi? Che succede quando i genitori non possono più lavorare e solo i bambini fanno i soldi?

Qui abbiamo scoperto nuovi passatempi insieme. Mio figlio e io stiamo cercando di conoscere gli uccelli insieme e ho provato pilates, yoga e danza con mia figlia. Siamo stati un team in occasione di un quiz online e abbiamo scoperto nuove serie TV.

Abbiamo un nuovo contratto sociale. Si dice che le aziende dovranno cambiare dopo il blocco e non opereranno mai nello stesso modo. È uguale per le famiglie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.