Spiccare il volo a Venezia

Mia figlia, Madeleine, aveva sedici anni e voleva fare la modella.

Quando mi ha chiesto se le avrei permesso di andare a Milano per la settimana della moda, ho accettato.

Era agosto o settembre del 2019 e avevo molto tempo per pensare a questa domanda. Fin dalla sua prima infanzia pensavo che Madeleine sarebbe stata un’ingegnere bravissima, ma quando ha iniziato il liceo si è interessata maggiormente alla moda ed ha espresso il desiderio di entrare nel mondo del lavoro della moda.

Ho sempre creduto che fosse più importante per le persone fare ciò che trovano interessante e divertente piuttosto che vivere una vita scelta per loro dai genitori. Negli Stati Uniti, è tradizione che gli studenti delle scuole superiori visitino alcune università per decidere quale frequentare. Ho deciso che un viaggio per visitare Milano, il primo posto al mondo per la moda, sarebbe stato come un “viaggio universitario” per una come mia figlia.

Poiché mia figlia si stava avvicinando al momento di “lasciare il nido”, mi sentivo sentimentale e volevo passare più tempo con lei, quindi abbiamo programmato un viaggio madre-figlia e abbiamo iniziato a cercare i voli. Non avevo mai pensato di viaggiare in Italia, ma quando Madeleine me lo ha suggerito, non ho avuto bisogno di molto tempo per essere d’accordo.

Ho cercato un viaggio a Milano e ho trovato un articolo online che diceva che era più economico volare a Venezia, da dove si poteva prendere un treno per Milano. Che bella idea! Da anni leggo i libri di Donna Leon, ambientati a Venezia, e questi avevano acceso il mio interesse. Per questo motivo ho sempre voluto vedere Venezia, quindi i nostri piani sono cambiati di conseguenza. Abbiamo trovato i biglietti aerei economici con largo anticipo e abbiamo deciso di rimanere tre giorni a Venezia, viaggiare a Milano per cinque giorni, quindi tornare a Venezia per un ultimo giorno prima di rientrare a casa.

Con l’avvicinarsi della settimana della moda, ho scoperto che il Carnevale di Venezia coincideva con il nostro arrivo: che fortuna!

Ci siamo imbarcate sul nostro volo e abbiamo fatto un lungo viaggio, passando da Pittsburgh a Chicago, da Monaco a Venezia. Il volo è stato lungo ma non è stato problematico. Questi erano i primi giorni di Covid, prima di mascherine e test: negli aeroporti c’erano rappresentanti della sanità pubblica che utilizzavano apparecchiature a infrarossi per misurare le temperature dei viaggiatori. Il nostro volo è arrivato nel tardo pomeriggio e abbiamo preso l’autobus dall’aeroporto Marco Polo di Venezia. Quando è arrivato il nostro autobus, siamo salite.

Il tempo era bello: c’era il sole e l’aria era fresca e limpida. Siamo arrivate ​​a Piazzale Roma, dove si fermano gli autobus e dove c’è un ampio parcheggio per le auto: l’unico posto per le auto a Venezia. Le macchine e gli autobus possono arrivare e partire da qui, ma non possono andare oltre. C’erano chioschi che vendevano mappe e cimeli vari, e alla nostra sinistra, a sud, potevamo vedere la stazione dei treni e, più vicino a noi, potevamo vedere le barche che portavano le persone in giro per l’isola. Abbiamo comprato una mappa a un chiosco vicino e abbiamo cercato il nostro hotel sulla mappa. Il Liassidi Palazzo Hotel si trovava all’altra estremità del Canal Grande, vicino alla fermata delle Zattere.

Photo by Wendelyn Piquette

Abbiamo preso una barca da Piazzale Roma alla fermata Zattere. Abbiamo superato molti edifici e ponti lungo la strada. C’erano molti edifici in stile antico ed eleganti, di colori calmi e sereni con finestre ad arco e con balconi. Siamo passati sotto il Ponte di Rialto. I suoi archi eleganti erano esattamente come le immagini viste nei libri. Il giro in barca è stato magico, come entrare in una fiaba. Il movimento della barca, le altre persone sulla barca e le loro conversazioni mi hanno cullata come in un sogno pacifico. La gioia sul viso di mia figlia è tutt’oggi evidente nelle nostre foto. È interessante riguardare le foto perché il nostro giro in barca è iniziato alla luce del sole, ma quando siamo arrivate all’hotel il sole era già tramontato e la nostra prima vista del Liassidi Palazzo Hotel è stata al buio.

Siamo scese a Zattere, vicino all’albergo, non più di 300 metri. Dall’imbarcadero avevamo solo bisogno di camminare dritto, girare a destra lungo un canale fino a un ponte, e infine girare a sinistra prima di vedere l’albergo. Avevamo passato ristoranti e negozi lungo il tragitto. I ponti e i canali erano affascinanti, specialmente al buio. L’albergo non ci ha deluse. Era davvero bello con pareti in stucco color pesca e persiane marroni che accentuavano le sue finestre ad arco a punta moresche.

Dopo esserci rilassate nella nostra camera, siamo uscite a passeggiare e a fare una cena leggera a base di risotto in uno dei ristoranti lungo il canale vicino al nostro albergo.

La mattina abbiamo camminato per le callette (il nome delle stradine di Venezia) fino a trovare un ristorante dove abbiamo fatto la colazione.

Di fronte al ristorante c’erano negozi e altri ristoranti. Non posso scrivere di Venezia senza commentare come è stata costruita la città. Ho letto che Venezia fu inizialmente occupata per la sua posizione difendibile, ma altre persone dicono che c’erano persone a Venezia durante l’impero romano nei tempi antichi. Nonostante le diverse storie, le persone generalmente concordano sul fatto che Venezia sia stata costruita su una fondazione di tronchi che erano stati tagliati e posti a terra verticalmente, quindi ricoperta da più tronchi orizzontalmente seguiti da uno strato di rocce e, infine, gli edifici furono posti sopra. Quindi i veneziani iniziarono a costruire alcune delle strutture più sontuose e belle che chiunque possa chiedere di vedere. Probabilmente a causa della totale mancanza di ulteriore terreno su cui costruire, gli edifici sono ammassati l’uno sull’altro, facendo sembrare che i costruttori pensassero: “Qui! Qui c’è un posto abbastanza grande, nell’angolo formato da questa chiesa e quell’edificio, da contenere un altro piccolo edificio in mezzo!”

Le strade non sono per le auto, ma in realtà sono marciapiedi, alcuni abbastanza grandi per una macchina e altri abbastanza grandi per tre persone che camminano di fianco. Questi marciapiedi più stretti a volte danno l’impressione di essere dei tunnel perché le strutture vicine stanno avidamente prendendo tutto lo spazio extra a cui possono aggrapparsi.

Sembra che la città sia cresciuta organicamente. Mentre ci sono luoghi chiaramente ben pianificati, come Piazza San Marco, con la sua grande piazza delimitata su tre lati da colonne coperte e dall’altro lato dalla Basilica San Marco, a sua volta delimitata da un lato dalla torre dell’orologio e da Il Duomo dall’altro e caratterizzato da un’ampia passeggiata sul Canale Grande; ci sono solo poche strade lunghe e diritte. Infatti, il modo più veloce per girare Venezia è in barca. La rete di canali che lambiscono un gran numero di edifici attraversa e circonda la maggior parte delle zone di Venezia. E le strade attraversano i campi, piazzette spesso vicino a chiese, e ti conducono attraverso piccoli e grandi ponti.

È una città di tanti, tanti ponti, ma il ponte più affascinante è il Ponte di Rialto. Le foto non possono assolutamente mostrarlo bene! Sì, puoi vedere i bellissimi archi nelle foto. Invece, quello che non puoi dire è che questo ponte pedonale è abbastanza largo da permettere a due auto di viaggiare fianco a fianco con i negozi. Sì, i negozi, su ciascun lato e sull’altro lato dei negozi c’è un altro marciapiede su ciascuno dei lati dell’acqua del ponte. È affascinante, elegante e funzionale e vale la pena visitarlo di per sé.
Come ho già detto, siamo state fortunate ad arrivare durante il Carnevale. Le persone indossavano costumi a ogni ora del giorno.
Molti, molti costumi erano di natura storica e c’erano alcuni alieni intervallati da altre idee più moderne. Le maschere venivano vendute in ogni chiosco e in diversi negozi ad ogni incrocio.

Photo by Wendelyn Piquette

C’erano maschere di pizzo economiche che erano probabilmente prodotte in Cina; c’erano maschere di cartapesta; maschere con finte piume e gioielli; maschere in stile steampunk; maschere di uccelli; maschere di elefanti, ecc.

Questa è stata una cosa simpatica da comprare e portare a casa per la famiglia e gli amici. Tutti i giorni alle 13 c’era una gara di maschere in Piazza San Marco. Le persone sono venute da vicino e da lontano per competere, indossando costumi molto elaborati. Una famiglia indossava i costumi di Alice nel Paese delle Meraviglie. La madre era la regina dei cuori, il padre era il cappellaio matto e il figlio era il coniglio bianco! Così carino! Di notte, San Marco aveva musica e balli. Siamo andate lì una notte ed è stato molto divertente!

C’erano attività a cui partecipare, come visitare la fabbrica di vetro di Murano o creare la propria maschera di cartapesta.
Non abbiamo fatto queste cose, decidendo invece di scoprire luoghi come il Palazzo Ducale e le chiese locali; e per passeggiare per la città, provando cibo delizioso.

Abbiamo scoperto un bar che serviva cornetti vegani e ottimo cappuccino con latte di mandorla. Negli Stati Uniti i cornetti vegani non esistono, a meno che non siano molto costosi. Eravamo così felici!

Il nostro tempo a Venezia è stato breve, ma che cosa speciale da condividere per noi due!

Siamo state fortunate con un’altra cosa: mentre eravamo in vacanza, il COVID stava circolando nel mondo ma la maggior parte dei focolai erano piccoli. Per coincidenza, il nostro volo di ritorno è avvenuto il giorno in cui l’Italia si è accorta che non c’erano tre casi, ma più di cento. Il carnevale ha chiuso con diversi giorni di anticipo mentre stavamo tornando a casa. Nelle settimane successive, la triste notizia di ciò che il COVID stava provocando in Italia mi ha fatto venire la nausea a pensarci. Certo, gli Stati Uniti hanno seguito subito dopo e hanno superato il mondo nei casi e nella percentuale di popolazione malata.

Molto è cambiato negli ultimi due anni e quattro mesi, ma “La Serenissima” resiste e lo spirito degli italiani è forte. Ci siamo divertite così tanto che abbiamo deciso, dopo questo viaggio, di ritornare in Italia separatamente. Io tornerò in Italia per studiare e vivere un anno a Milano e mia figlia tornerà in Italia per un semestre all’università di Firenze.

Lei alla fine ha deciso di diventare un’ingegnere aerospaziale, come avevo immaginato!

Cover Credits: Photo by Wendelyn Piquette

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.